Recensioni sui corsi

 

 

 

Ecco cosa dicono dei corsi!

Ho cercato molto dei corsi che potessero darmi le giuste informazioni per intraprendere una strada autoriale. In questo i corsi MuSa sono sicuramente tra le offerte più complete.
All'inizio volevo subito iscrivermi al corso di storytelling ma ho poi preferito seguire un percorso che partisse dalle basi e la mia scelta è ricaduta su 'linguaggio fotografico full'.
In Sara ho trovato una guida chiara, diretta e con una cultura fotografica enorme. È riuscita a farmi andare a casa con molte domande e qualche risposta. 
Geniale! Matteo Ferraresso

Spesso nei corsi si tende a dare solo nozioni; al momento uno crede di avere capito e di essere illuminato, ma manca sempre la parte di verifica, cosa che invece al tuo corso non manca.
Anzi, trovo costruttivo il fatto che ti venga detto cosa funziona e cosa no dopo essere passati alla fase operativa. Altrimenti, il tutto si ridurrebbe al fatto di aver letto i tuoi manuali, come molti di noi hanno fatto, e all'aver partecipato alla lezione. Però si scopre sempre ed immancabilmente che c'è un gap tra quello che pensiamo di aver capito, e quello che effettivamente mettiamo in pratica. Verificarlo nella stessa sede serve a rendere completa l'esperienza del corso, lascia un quid in più e ti mette in una nuova prospettiva per affrontare concretamente un progetto al quale magari uno stava già pensando, ma con nuove consapevolezze. Claudia Cadei

La nebbia si è diradata parecchio, è stato un approccio diverso da quelli avuti finora (più riflessivo e coinvolgente), sono uscita con molte domande alle quali rispondere(la più importante è:mollare tutto?). Centrate in pieno le mie aspettative. Grazie. Mirella Poretto

Il mio feedback è positivo.  A parte le nozioni teoriche mi ha colpito quello che riesci a vedere in mezzo secondo in una foto …magari tra una quindicina di lustri ci riuscirò anche io…dubito J
Cmq, l’allarmismo della prima mezz’ora per il compito che ci hai assegnato a sorpresa, ho cercato di trasformarlo in adrenalina per avvicinare i soggetti …quindi tutto di guadagnato per me.
La mattinata teorica, utilissima,  non è stata affatto noiosa quindi grazie .
Che altro dire? Adesso ho un sacco di nomi di Fotografi da cui attingere grazie al tuo corso…quindi grazie di nuovo. Sabrina Marchetti

Ho trovato il corso interessante ed efficace. Gli argomenti trattati non erano banali ed ho apprezzato anche il tuo modo di comunicare diretto.

Da questo corso mi aspettavo di riuscire a capire quando una fotografia "funziona" e perché. Le tue spiegazioni sono state molto utili in questo senso; adesso tocca a me darmi da fare e provare a guardare le opere con questi criteri. Mi sarebbe comunque piaciuto che avessimo dedicato un po' di tempo in più ad analizzare nel dettaglio qualche opera, una cosa del tipo "Guardiamo questa foto e capiamo perché è un capolavoro". Ottima la prova pratica con la correzione in aula. Per me è stata una grande sfida ma mi ha insegnato molto e oggi non rifarei quello che ho fatto domenica. Enrico Ottaviano

L'importanza di una "sberla" ben assestata
In estrema sintesi è questo quanto ci rimane di due giorni intensivi di workshop con Sara Munari: una sberla che fa male (metaforicamente) ma che ci costringe a ripensare al nostro modo di fotografare.
Una sberla fatta di nozioni tecniche, di analisi, di giudizi, soprattutto di ricerca di nuove strade narrative e nuove soluzioni.
E così tra una risata ed una riflessione ci sono rimasti in testa tanti pensieri e nuove urgenze narrative.
Insomma un incontro sconvolgente grazie al quale avremo molto da discutere e da fare… in vista di un prossimo nuovo appuntamento!
Grazie Sara e a presto
Il Fotoclub Costermano

Ho appena concluso il corso di Storytelling con Sara; non è il primo che faccio con lei, ma sicuramente questo è quello per me più impegnativo e stimolante allo stesso tempo. La passione di Sara per l'insegnamento e la sua grande preparazione si sente fin dal primo momento e ti coinvolge; schiettezza e spontaneità la contraddistinguono anche durante le lezioni, che non risultano mai scontate. Non è un corso unicamente teorico, anzi la pratica viene svolta durante ogni lezione, con esercizi singoli o di gruppo, utili ad apprendere meglio quanto spiegato. Inoltre vieni seguito in un progetto personale a tua scelta che svolgi a casa, fino ad arrivare alla selezione finale del materiale prodotto durante il corso; interessanti anche gli spunti per esporlo una volta concluso. Cosa ha lasciato questo corso alla mia passione? Nuovi stimoli, ma soprattutto un modo nuovo di intendere la fotografia. Grazie Sara!
Alessandro Secondin - Pordenone

I workshop di Sara generano consapevolezze preziose. Sa trasmettere i contenuti in maniera chiara, e con l’alternarsi di teoria ed esercitazioni l’apprendimento risulta fluido. Oltre ad offrire un approccio didattico efficace, Sara è una ricca fonte di conoscenze a cui attingere, per esempio per conoscere nuovi autori ed eventi significativi nella storia della fotografia. La sua spontaneità facilita la confidenza nel gruppo, e si finisce col divertirsi un sacco. 
Dai sui workshop ho ricavato esattamente quello che cercavo, probabilmente di più. Patrik Fongarolli Trento

Benché non sia sempre facile affrontare la franchezza di Sara che mette in dubbio alcune delle certezze acquisite e dei luoghi comuni accumulati negli anni, alla fine del suo workshop "Sentire la fotografia" esci dall'aula con la sicurezza di avere imparato qualcosa di nuovo e stimolante e soprattutto di aver ricevuto una serie di indicazioni utili a scattare in modo più istintivo e diretto rispetto a quanto facevi prima, e con modalità più vicine forse al modo di creare di Sara stessa. 
Teoria e esercizi pratici costringono a vincere le esitazioni e le timidezze e la discussione collettiva finale dei progetti aiuta a mettere a fuoco i punti dove c'è margine di miglioramento.
Molto interessante anche la visione sulle recenti tendenze della fotografia d'autore, non affrontata in modo sistematico ma utile per capire dove si colloca il tuo modo di scattare.
Insomma, iscrivetevi, ne vale la pena. Adolfo Masazza Milano

Il corso di Sara è stato una scossa, una sveglia dal torpore fotografico io cui vivevo. E la cosa tragica è che pensavo di essere bravo. Preparazione, progettualità, autorialità: tutte cose che Sara mi ha insegnato e tutt'oggi continua ad insegnarmi, sempre disponibile. I suoi esercizi stimolano la creatività nascosta in ciascuno di noi (persino in me!) e ti aiutano a guardare oltre la fotografia nell'unica direzione che conta: dentro te stesso. Marco Brioni, Mantova

Corso interessante e almeno nel mio caso ancora da "digerire", ha offerto alcuni spunti di riflessione da sviluppare nei prossimi mesi.
Spesso ci si perde nei tecnicismi della foto trascurando ciò che si vorrebbe raccontare o peggio ancora, come si diceva, scattare sperando di trovare successivamente il messaggio.
Tra tutto quello di cui si è parlato, ripensando al corso, il concetto che più mi è rimasto impresso è il legame che deve essere esistente tra le foto che raccontano una storia. Inconsciamente, vedendo un video musicale, mi sono accorto del link tra i diversi brevi spezzoni di video, cosa che fino a venerdì non avevo mai notato. Marco Ferraressa

Le due giornate sul "sentire" sono state molto intense e oltremodo interessanti. Ci hai fatto svolgere esercizi complessi che spesso alla proposta ci sono apparsi molto difficili e quasi irrealizzabili, ma poi si sono rivelati stimolanti e molto creativi. 
Come succede per tutti i corsi, gli esercizi sono i momenti più coinvolgenti; fissano e fanno da collante alle varie informazioni raccolte faticosamente con gli appunti durante la parte teorica. In ogni corso tutti sempre ci stupiamo per come riesci a proporre formule nuove e originali per darci le metodologie da usare poi in autonomia. Mai metodi fissi ma piuttosto sproni per rompere gli schemi mentali troppo radicati che spesso ci impediscono di guardare e capire oltre la visione comune a volte molto banale. 
Ciascuno, in base al suo sentire dopo queste giornate può riuscire ad entrare nel linguaggio fotografico per scegliere meglio come comunicare. Ognuno dei tuoi corsi aggiunge un tassello alla nuova visione e dovremo poi noi, (ovviamente) migliorare quanto produrremo. 
A te un grande grazie per la carica comunicativa, la passione e la capacità di trascinare con pazienza fuori dai grovigli mentali quelli che amano l'immagine ma non ne sanno fare un uso consapevole. Albertina Vago

Fare un corso con Sara Munari significa disfarsi delle proprie certezze e circondarsi di domande costruttive! Stefano Pia, Mogoro

Il workshop più bello e più utile a cui abbia partecipato.
Mi ha distrutto e ricostruito senza offendere la mia sensibilità. Con le sue capacità e conoscenze ha cercato di trasmetterci un metodo per comunicare con le immagini. Posso solo ringraziarla! Rita Bacchiddu, Cagliari

I corsi di Sara Munari io li definirei “essenziali”. Nel senso che, senza troppe metafore e senza troppi panegirici, si va dritti al sodo e cioè l’analisi della fotografia dalla composizione, all'autorialità e a tutto quello che concerne il portfolio, dall’idea alla creazione tutto in maniera semplice, diretta e precisa. Oggi, a circa un anno dal corso fatto con lei, e dopo numerosi workshop di altri autori a cui ho partecipato, ci sono dei passaggi e degli insegnamenti di Sara che ricordo di più su tutti e che utilizzo sempre nella mia produzione personale. Fosse per me farei tutti quelli che fa anche in giro per il mondo! Teodoro Iaia, Brindisi

La tua conoscenza e visione della fotografia mi ha aperto un mondo nuovo, te lo giuro!
Sono rientrata con una carica incredibile, con una voglia di sperimentare, studiare, osare, osservare mai avuta prima, e, che lo stigma del circolo stava spegnendo.
Mi sento libera, grazie, la fotografia non e' nel circolo, e' altro....AMO LA FOTOGRAFIA!!! Patrizia Baciocco

Sono ormai piuttosto recidiva rispetto ai corsi di Sara, forse perché mi trovo bene con lei come persona oltre che come insegnante di fotografia. 
In un WS di parecchi giorni lei riesce a indirizzare gli aspetti fotografici e a curare le esigenze dei partecipanti anche a livello logistico e umano.
Un anno fa a New York mi ha insegnato a costruire un progetto e a portarlo a compimento, a farmi delle domande da cui generare scelte coerenti; questa volta a L’Avana con lei ho cominciato a sentire che le scelte sono diventate più autonome e consapevoli. Annalisa Bravi, Lodi

Riassumere in due righe le impressioni sul WS con Sara non è semplice... è stato senza dubbio un'esperienza che ha lasciato il segno, ma anche tanti interrogativi in più... Ho apprezzato tantissimo la sua capacità di osservare e capire il "target" che aveva di fronte e adattare la sua lezione alla nostra reale esigenza.. ha promesso che avrebbe distrutto le nostre convinzioni per poi accompagnarci nella ricostruzione.. ma questa ricostruzione ha bisogno ancora di tempo, studio, confronto...Rosamaria Basciu. 

Grazie all'onesta di Sara Munari e al suo corso di reportage non ho solo imparato come si fa una foto di reportage, ho anche capito cosa era una buona foto e un buon reportage. Ho capito quale era la differenza tra un fotografo amatore e uno professionale. Secondo me, dopo un corso con lei, capisci se la fotografia è fatta per te oppure no! Nora Kabli, Parigi

Ottima persona, grande professionista, dotata di un impulso didattico fuori dalla norma. E' stato un piacere partecipare al suo work shop, capace di smuovere le nostre poche certezze, Di farcele rivalutarle, di farci riflettere in merito, e di aprirci nuovi orizzonti mentali. In modo particolare , per quanto mi riguarda, mi ha fornito alcune perle:-target ,- linguaggio,In pratica la modalità di presentazione di ciò che noi vorremo rivelare in funzione di chi ci può ascoltare. Perchè , ha ragione lei...basta con l'ipocrisia. Ognuno di noi, inconsciamente si crea un target...anche chi dice il contrario. Pochi di noi hanno dei committenti di un lavoro fotografico nudo e crudo, tanti scattano per passione, ma nessuno per passione fine a se stessa. Ognuno di noi cerca in un modo o nell'altro visibilità e apprezzamento , in grande (esposizione del progetto/pubblicazione) o in piccolo (like su FB). Ho avuto il piacere di aver visto mettere sulla " graticola" un mio progetto in essere. La ringrazio per la schiettezza (non sempre d'obbligo) e per i preziosi consigli in merito ad un miglioramento. Che altro dire? Spero di aver altre occasioni per confrontarmi con lei. Christian Murgia

In poco più di un anno mi son messo per tre volte nelle mani di Sara Munari per capire meglio cosa è la fotografia e come farla al proprio meglio. L'ultimo corso che ho seguito è stato la scorsa settimana a Palermo per la realizzazione di un lavoro fotografico. In certi momenti più che di mani è il caso di parlare di artigli! Che strappano certezze e luoghi comuni sulla fotografa. Ma Sara riempie gli strappi di conoscenze, approfondimenti, stimoli, suggerimenti consigli, idee.... con una capacità mista a naturalezza che sorprendono! Sara è una grande professionista, e insieme appassionata (cosa non scontata), della fotografia a 360 gradi. Stefano Caviglia Genova

"Ho conosciuto Sara durante il corso presso l'istituto italiano di fotogarafia dove insegnava comunicazione visiva, da allora ho fatto tutti i corsi che lei ha tenuto a Civate presso il suo laboratorio. La ritengo una delle migliori fotografe che abbiamo in italia e una delle miglori studiose di storia della fotografia.
Da lei ho imparato la capacità di guardare e la voglia di mettermi in discussione,ma la cosa più bella di Sara è che non è una professionista arrivata ( anche se già molto brava) ma è in piena evoluzione, alla ricerca di nuove esperienze visive e fotografiche.Per quanto mi riguarda è eccezionale!!!"
Salvatore Audino, Brescia 

Workshop meraviglioso, veramente interessante e utile!! Sara?? eccezionale, super professionale, straordinariamente diretta e schietta, avrei voluto stare più a lungo a sentirla!! Spero solo di avere altre occasioni di incontro Stefania Lecca

Sono molto molto soddisfatta del corso di Storytelling di Sara. E' stato davvero impegnativo, ma assolutamente stimolante. La parte teorica ha costituito una solida cornice, che è servita a fissare i concetti chiave della narrazione fotografica. Gli esercizi che Sara ha proposto sono sempre stati una bella sfida da percorrere; li ho trovati molto efficaci perché a mano a mano che proseguiva il corso, mi sono accorta che stavo modificando il mio modo di pensare alla fotografia. Abbiamo lavorato tutti insieme alla progettazione dei nostri lavori, ed è stato particolarmente interessante confrontarsi con gli altri partecipanti al corso, seguendo lo sviluppo di numerosi progetti. Sara ti guida passo passo nella scelta delle fotografie e piano piano abbiamo tutti visto che i nostri lavori stavano prendendo corpo. Certo, questo corso non è una passeggiata: Sara è una docente esigente, diretta, e non ti lascia scampo. Ma alla fine i risultati si vedono. Nelle sue lezioni ti trasmette tutta la sua passione, il suo entusiasmo, ma anche la serietà con la quale vive la fotografia. Comunque è anche veramente simpatica, e le risate non mancano... Posso dire che alla fine di questo corso mi è venuta voglia di approfondire il discorso fotografico, perché ho cominciato a considerare e a vedere la complessità, la profondità e le potenzialità di questa forma di espressione.
Daniela Borsari Milano

Sono rimasto colpito dall’insegnamento di Sara durante il corso che ho frequentato al’Istituto Italiano di Fotografia e per questo ho deciso di partecipare a qualcosa di ancor più strutturato ed ho scelto lo Storytelling. Mi è sempre piaciuto (fin da piccolo) raccontare storie, racconti e questo corso mi ha affascinato fin dal principio. Le aspettative si sono ampiamente ripagate e posso dire che le lezioni che abbiamo fatto sono state così intense e produttive che mi sembra di aver fatto un corso di un anno. Durante le giornate si trascorre in modo veramente costruttivo la parte teorica (molto breve e concentrata al mattina) e la parte più pratica dove si fanno degli esercizi che sono un vero “stress” (positivo!) del cervello perché ti invitano e mettere ordine ai tuoi pensieri e a ricercare la tua storia prendendo spunto da semplici elementi (ritagli di giornale, concetti, colori, ecc).
Non avrei mai pensato di riuscire a realizzare un libro fotografico così ricco e comunicativo in cui tutti gli spunti di Sara sono “volati” dentro in modo molto semplice. Sara ti sveglia, ti porta attraverso la Fotografia, ti fa vedere quello che non riesci a vedere, ti aiuta con pazienza, creatività, imparzialità e flessibilità. Riesce a scardinare tutti i cliché. Il risultato è un clima piacevole, di confronto, un arricchimento che è “un corso nel corso”. Io lo consiglierei a chiunque anche perché attraverso questo corso si ha modo di trasformare una propria idea in qualcosa di emozionante (sia esso un libro, un portfolio o altro) e si ritorna un po’ bambini nel creare racconti, con i compiti per la lezione successiva, i compagni di viaggio e l’esame finale dei propri lavori. Bello, bello. Fatelo, non ve ne pentirete. Grazie Sara e grazie ai miei compagni di viaggio. Alessandro, Milano.

Sono quello che si definisce una "aficionada" dei corsi e workshop di Sara. 
Ho iniziato con il corso base nel 2011 e pian piano, uno dopo l'altro, ho seguito tutti i suoi corsi e workshop in Italia e all'Estero. 
L'amore per la fotografia è sbocciato grazie a lei e a lei devo tutto ciò che ho imparato. 
Non ho trovato altrove la passione e l'impegno profusi da Sara nell'insegnamento e la volontà sincera di trasmettere le sue conoscenze a chi ha davvero voglia di crescere e imparare. 
Quindi scegliete pure il corso o il workshop che più si adatta alle vostre esigenze o capacità. Ve li consiglio tutti! Anna Brenna, Costamasnaga

Quando sono arrivata la prima volta ad una lezione di Sara avevo una visione diversa della fotografia. Per me era un insieme di regole, quasi di dogmi , in cui una cosa si fa ed un'altra non si fa. La cosa più importante che ho capito in questi mesi è proprio inerente a queste regole, che si esistono e vanno sapute e rispettate , ma sopratutto usate o anche , mi si passi il termine , piegate alla nostra volontà di scrivere con la luce , quello che noi vogliamo scrivere. Personalmente il mio cammino è in divenire ed amo sperimentare, solo che adesso ho più chiaro perché lo faccio. Sono passata dall'istinto di fare una cosa in un certo modo , alla comprensione del perché la faccio in un certo modo. Per il resto ai posteri l'ardua sentenza di decidere se ho capito male o bene. Posso aggiungere che secondo me una persona che sceglie la via del l'insegnamento deve prima di tutto insegnare e sopratutto umanamente insegnare. Questo è un pregio di Sara. Yvonne Vionnet, Lecco

"Ho frequentato 2 anni fa il corso di reportage, con l'intento di rafforzare il modo di raccontare "fotogiornalisticamente". Quello che mi ha insegnato, è il modo di vedere diversamente quanto volevo raccontare e questo ha arricchito e rafforzato il mio modo di fare e leggere fotografie.....e molto altro". Angelo Andreoni, Treviglio 

Per quanto mi riguarda, il WS è stato uno dei più interessanti e utili che ho seguito. Mi è dispiaciuto che non ci sia stato il tempo di fare l'ultimo esercizio che era in programma, però è stato altrettanto utile assistere ad una lettura portfolio didattica (che ha fatto al posto dell'esercizio). Inoltre ho apprezzato il fatto che il primo giorno ci abbia chiesto quali fossero le nostre aspettative, e in base a quello abbia impostato la struttura del WS, senza imporre a priori argomenti che magari potevano anche non essere capiti. Martina Cornacchia 

Ho partecipato al corso di Storytelling con Sara ed è stato come fare un giro in lavatrice, tantissimi concetti che mi arrivavano contemporaneamente, tantissimi input e idee che mi colpivano. All' interno del corso con gli altri partecipanti abbiamo sviluppato dei nostri progetti personali sotto l'attenta guida di Sara, più volte ci ha detto "fidatevi di me e vedrete", l'abbiamo fatto in maniera titubante, ma i risultati sono stati sorprendenti. Siamo arrivati con delle idee e Sara ce le ha rivoltate come un calzino, ci ha preso per mano in un percorso pieno di ostacoli (i nostri preconcetti) e ci ha portato a realizzare un progetto intero rendendoci partecipi delle scelte e spiegandoci man mano dove indirizzare i nostri sforzi. 
Mi sento di consigliare questo corso perché anche se molto impegnativo ti insegna a lavorare su progetti più complessi uscendo dalla logica dello scatto singolo e fine a se stesso. Christian Roveda 

Seguivo il blog di Sara da un po di tempo e alla fine ho deciso di iscrivermi al corso di storytelling. Il corso mi è servito tantissimo; Sara, attraverso le sue metodologie, è riuscita a fare maturare il mio pensiero fotografico in modo graduale gettando le basi per accrescere le mie competenze. Consiglio il corso a tutti coloro che hanno voglia di cambiare "visone" e di cimentarsi in un cammino di ricerca fotografica, ma anche a coloro che vogliono accostarsi e comprendere le metodologie dello storytelling. Se dovessi esprimere un giudizio, darei 5 stelle su 5. Francesco Fiorello 

Sara ti fa sentire a proprio agio, non manca di correggerti quando è il caso, ti trasmette il suo entusiasmo, ti segue con cura.
Avevo bisogno di nuovi stimoli e di immergermi in un progetto fotografico h24: il workshop a New York è stata una esperienza che non ha deluso le aspettative. Alessandro Guzzeloni Lodi

Ho partecipato a due ws con Sara a dir poco entusiasmanti e … destabilizzanti (in senso positivo). 
Mi aspettavo infatti di ascoltare pensieri nuovi, “freschi” e che dessero input anche diversi dal solito modo di fotografare ed editare, sperimentando. Ho trovato tutto puntualmente! 
Sicuramente la consiglio e come diceva la pubblicità: “provare per credere”. Alberto Vincenzi Monzambano (MN)

Ho intrapreso il corso di storytelling con l'idea di completare le mie conoscenze fotografiche che credevo avessero un certo spessore e valore. Mi sbagliavo. Le certezze sulla mia qualità fotografica si sono frantumate di fronte alla capacità di Sara di metterti di fronte a cosa DAVVERO significhi fare fotografia. Fare fotografia è tutt'altro che produrre immagini, cosa che è quello che fa la maggior parte dei "Photographers" da social che con macchine da migliaia di euro fotografa il gatto e il tramonto a Castelluccio di Norcia. Fare fotografia, potersi definire fotografo, è una cosa seria ed assai più complicata di quanto la stragrande maggioranza della gente pensi...e questo l'ho imparato bene, sulla mia pelle. Nei sei mesi del workshop, supportato dalla passione e dall'incrollabile certezza che davvero fare fotografia fosse per me importante, ho dovuto smontare quello che ero (uno dei photographers di cui sopra) per cercare di diventare quello che volevo essere: un fotografo! Non so se alla fine io ci sia riuscito o meno, probabilmente no, però so che ho prodotto con l'aiuto di Sara un lavoro del quale sono fiero, frutto di studio e ricerca, e per la prima volta in vita mia ho FOTOGRAFATO. Davide Bordogna, Como

Scrivendo versi sono portata spesso a essere sintetica dunque scriverò un giudizio haiku sul corso ma perlopiù su di te. Corso di storytelling
Ciò che caratterizza ogni gesto e parola di Sara Munari mentre ti fa esplorare un percorso-corso è un profondo senso di onestà verso la fotografia e il senso di appartenenza ad essa. La sintesi dove serve e ampie divagazioni dove sono appropriate. Porti via entusiasmo che sommato al tuo magnifica di nuova bellezza questo meraviglioso mondo. Maria Luisa Lamanna Milano

Il mio timore iniziale che il corso potesse essermi poco utile, dato il mio  livello di partenza è  stato fugato.
Mi è  stato utile, fornendomi una mappa delle molte cose da imparare e "fare mie" senza doverci pensare su troppo, concentrandomi sul resto.
Sara , sei un' insegnante molto efficace:  BRAVA e grazie.
Per quanto mi riguarda ribadisco l'appunto/richiesta già  formulato: potere disporre (in anticipo) delle tue presentazioni mi avrebbe aiutato molto, annotando sulle stampe appunti extra e avendo poi un riferimento ordinato e completo che dura nel tempo.
Ho comperato i tuoi libri, ma non è  la stessa cosa. Pier, Torino

Grazie mille Sara anche da parte mia. Anche se non avevo dubbi circa la tua competenza, la cosa che mi ha piacevolmente stupito è la tua capacità di adattamento e la capacità di rendere  l'efficaci due soli giorni di corso, ammirevole davvero, mi è capitato raramente e non solo in questo ambito. Oltre a ciò una persona che non posso e non possiamo non apprezzare per il modo di parlare diretto e senza offesa per nessuno, cosa che spero si emersa anche in noi che, mi sento di dire, abbiamo un approccio simile.
Quindi grazie ancora, aspettiamo il salato conto sapendo che saranno comunque soldi ben spesi.Una foto funziona se viene ricordata, così ci hai detto. Una docente funziona se ti colpisce al basso ventre e ti lascia qualcosa che rimane per sempre. Per questo tu Sara funzioni al di là della simpatia, delle capacità, dei modi diretti e bla bla bla...
E vedi di non alzare il tariffario però c...azzo!!! Hugs&kisses Enrico, Torino

Sei anni fa ho iniziato a seguire Sara e ... sono in partenza per il prossimo Workshop!
Passioni condivise, pianti, tante risate, il tutto condito da tanto lavoro e una grande professionalità. La sensibilità di Sara di leggere nelle persone ti obbliga a confrontarti con te stesso e a rimettere in discussione il lavoro che stai potando avanti. Ilaria Pretto, Vicenza 

Sono tornata con grande soddisfazione dal ws tenuto da Sara a New York.
Mi piace molto il portfolio che ho prodotto, ma non è questo il punto.
Quello che ho portato a casa di davvero buono è la progettualità che mi ha insegnato.
Ho scelto un tema, ho proposto l’idea a Sara che mi ha dato alcune dritte per renderlo più efficace. L’ho studiato per diversi mesi, ho studiato la cartina della città per trovare i luoghi più adatti, ho cercato libri fotografici che trattassero argomenti simili.
Sul posto mi ha aiutato a capire quali buone idee c’erano nei miei primi scatti, a isolarle e farle diventare il punto forte su cui insistere. Sempre partendo dalla mia espressività e mai dandomi punti di vista lontani dal mio. Annalisa Bravi Lodi

In sintesi partecipare ad un corso con Sara vuol dire capire se stessi. (fotograficamente parlando). In generale si entra in crisi e si pensa che, come dice lei, occorrerà smettere di fotografare per qualche mesetto almeno.
La sua veemenza verbale e la sua energia ti coinvolgono e sono misti ad una competenza schietta e diretta che ti fa arrivare al "punctum" senza tanti giri di parole. Sei brava Sara e se possibile farò altre esperienze con te, perchè ti dai senza riserve e sei onesta intellettualmente con i discenti. ciao e grazie. Enrico La Bianca -Piazza Armerina

Dopo il corso di storytelling con Sara guardo ancora con più attenzione al messaggio veicolato dalle mie foto, mi metto più nei panni dell'osservatore, do più importanza alla semplicità e chiarezza del messaggio, al significato di quello che si vuole esprimere, sto assimilando cosa significa lavorare con una vera progettualità di contenuto ma sempre mantenendo l'attenzione alla forma, composizione, evocatività delle immagini. Un corso che dà spunti di approfondimento e fa venire, o aumentare, la voglia di imparare a parlare con le proprie foto. 
Ilaria, Pavia

Conoscere Sara è un’esperienza che difficilmente dimenticherai,la sua semplicità, la sua forza, e la sua magnanimità la rende una persona eccezionale.Ogni sua parola è uno stimolo a fare meglio e vedere le cose da un altro punto di vista. Felicissimo di aver partecipato ai suoi corsi
Giuseppe Cucchiara (Barrafranca –Enna)

Consigli e spiegazioni dettati da solide basi teoriche, l’importanza di avere un progetto, come svilupparlo restandovi fedeli. Schietta, appassionata e sempre presente in ogni momento del workshop. Organizzazione perfetta e ….tante risate!
Fulvio – Codogno (LO)

Questo a New York è stato un workshop eccezionalmente interessante e proficuo.
Già prima della partenza Sara ci ha dato input e suggestioni per pensare ad un progetto individuale che sul posto abbiamo poi perfezionato e realizzato. Durante il lavoro, e anche al di là di questo, la sua presenza è stata costante con una disponibilità totale. Ha intuito le nostre peculiarità e ci ha aiutato ad evidenziarle incoraggiandoci e supportandoci con una guida costruttiva, ma mai invadente. Ha coordinato il gruppo in modo che si è creato un clima allegro, ma serio e collaborativo.
In definitiva giorni di lavoro, di svago, di impegno, di conoscenza di posti e di persone, che sono volati anche troppo presto, ma che ci hanno visto tornare a casa con un ricco bagaglio di esperienza e ciascuno con un proprio nuovo lavoro. -
Francesca Semerano Roma

Sara, con energia e passione, ci porta a capire l’importanza di lavorare per progetto e di dedicarci con metodo e rigore alla creazione di un lavoro tutto nostro, frutto di fatica (non si è certo in vacanza!) ma anche di grande soddisfazione. 
Ci assiste in ogni fase – dall’ idea iniziale, al suo sviluppo, alla visione condivisa delle immagini realizzate e ci guida con concretezza nell’elaborazione del nostro progetto. 
Un workshop con Sara Munari è un’esperienza che consiglio a chi ha voglia di crescere e di confrontarsi con se stesso e con gli altri. Maria Ausilia Simbula PV

Illuminante e stimolante, un momento di riflessione sulla fotografia e sull'approccio alla stessa. Ha insinuato dubbi e domande nei partecipanti, facendoci poi arrivare alla definizione di risposte concrete e all'apprendimento di un metodo. Sara Sorrentino 

Il ricordo rimane ma continua il desiderio di nuove interessanti suggestioni. Storytelling è stato ricco di spunti e di informazioni per nuove ricerche che necessariamente ora dovranno vivere con difficoltà ma in autonomia. Sono certa che comunque il tuo supporto non mancherà e non abbandonerai i tuoi allievi nei loro passi futuri. Si è creato un bellissimo clima di armonia fra i componenti e tutti si sono molto impegnati. Posso dire anche a nome degli altri che i risultati raggiunti sono ultra soddisfacenti. Partiti disorientati via via il percorso si è andato delineando, prima per definire ciascun tema, poi selezionando e scartando (a volte anche drasticamente) le foto, facendoci abbandonare spesso anche quelle che ritenevamo le migliori. Alla fine del percorso questo ci ha fatto abbastanza capire quello che si deve fare per rendere interessante il nostro lavoro. Preziosa, efficace, semplice e chiara la parte teorica, con slide e temi di focalizzazione per ogni sezione, con nomi di autori importanti da analizzare adatti a ciascun lavoro. Originali e molto stimolanti (anche se a volte apparsi molto difficili e quasi impossibili da risolvere) i compiti pratici. Ma ogni volta i risultati sono stati superiori alle aspettative. Questi esercizi analizzati e confrontati hanno saputo scuotere le nostre consuetudini visive e rimarranno un vademecum da ricordare e ripetere ogni volta che ci troveremo in difficoltà. Un grande valore è stato il confronto delle nostre varie personalità che ci ha permesso di vedere in quanti modi è possibile fare comunicazione visiva. Confrontarci è servito per migliorare o correggere via via quello che serviva a ciascuno. Tutto questo senza velleità di protagonismo o di futili critiche perchè Sara per ciascuno ha saputo dare critiche e stimoli con abilità, a volte in modo delicato altre più risoluto, altre spiritoso, ma mai e poi mai inefficace o inaccettabile. 
Grazie Sara, sai essere un'insegnante di tutto rispetto, perchè sei attenta alla personalità di ciascuno e lavori veramente molto, con fantasia e professionalità, oltre che con grande entusiasmo, e nel nostro tempo questi sono grandi pregi. Albertina Vago

Conoscevo Sara indirettamente attraverso il suo blog e le sue foto e già apprezzavo tanto la sua capacità di comunicare schietta e la sua visione fotografica.
Dopo la frequentazione del corso di Storytelling e della giornata sul portfolio, tutte le sensazioni hanno avuto conferma e si sono moltiplicate: Sara è una persona eccezionale perché unisce una profonda conoscenza fotografica a uno stile chiaro e sincero, una notevole esperienza ad una forte simpatia, un continuo prendersi cura dello studente a una capacità di giudizio puntuale e senza fronzoli.
Il corso di Storytelling è impegnativo: tra la parte teorica (densa e interessante), gli esercizi in interno ed esterno (difficili ma stimolanti!!! perfetti per accendere il cervello) e il dover capire quale era la strada per il mio progetto (per 4 mesi non ho pensato ad altro..) ci sono stati momenti di sconforto, perché Sara sa scardinare tutte le tranquille certezze (dopo vari anni di passione fotografica, di concorsi vinti, di workshop etc.. credevo di sapere qualcosa) ma poi porta lo studente nella direzione giusta, fa capire cosa vuol dire davvero fare fotografia, quali sono i propri punti di forza e gli aspetti da migliorare. 
Il confronto con gli altri studenti è stato molto utile e coinvolgente per vedere altri modi di fotografare e per affinare la critica.
Non ho trovato da nessun’altra parte un insegnamento così vero, fruttuoso per la mia formazione, sincero e completo. Con Sara si tratta la vera fotografia. Margherita, Meolo

 

Informazioni sui corsi

 

Informazioni sui docenti

 

Recensioni dei corsi

 

Dove siamo a Monza

 

Cosa facciamo insieme

 

Regala un corso

 

 

Se decidi di regalare un corso, invieremo via posta cartacea un buono regalo personalizzato, con il corso che ti interessa donare. La persona verrà avvisata anche via mail entro un mese prima l'inizio del corso. Per informazioni scrivi a corsi@musafotografia.it SCARICA IL BUONO

 

Corsi avanzati

 

Partecipa al premio Musa

 

iscriviti

 

 

Contatti

Dove trovarci a Monza

Come trovarci

Via Mentana, 6, Monza

Siamo a 150 mt dalla stazione di bus e

treni, ampio parcheggio a 100 mt.

In treno, da Milano Centrale e

da Garibaldi, ci vogliono 12 minuti.

 

 

I nostri amici e sponsor


Emuse
Emuse
Eyesopen
Myphotoportal
Fotofabbrica