Il reportage

come viaggio intorno a casa

Presentazione

“Dal dormiveglia delle sei del mattino, alla mia auto che mi fa sobbalzare lungo il crinale di una collina: questo è il mio percorso, il pensiero che nasce e che si affanna a cercare un luogo. Il mezzo è la vecchia yashica 124 con cui mio padre mi fotografava, la ricerca è quasi sempre intorno a casa, la resa dei conti davanti all’ingranditore. Senza aver paura di esagerare posso dire che un’immagine è buona solo quando, mentre l’acido la svela, il cuore accelera i suoi battiti. La fotografia che vorrei sempre è quella che avviene giocando, quando non mi prendo troppo sul serio, lontana da responsabilità e committenze. Quando nella mia testa riesco a sentire musica insieme al rumore del vento e l’emozione supera la testimonianza. Io non ho uno studio dove medito, il mio luogo è fuori, per la strada, o meglio ancora in campagna. Cerco il mio rifugio, il luogo ideale, l’essenzialità del pensiero; devo sottrarre: tolgo le forme che non mi piacciono, tolgo gli oggetti insignificanti, mi allontano dal tempo presente.
Vedo in bianco e nero e muovo lo scatto. Qualcosa succederà di sicuro.”

Troppo spesso si discute di tecnica, di strumentazione, mettendo in secondo piano il piano emotivo, lo sviluppo della sensibilità, lo studio dell’immagine come proiezione dei nostri pensieri. La visione e la discussione reciproca dei lavori, fra chi ha più esperienza e chi ne ha voglia di fare (e non fra maestri e alunni), porta ad un arricchimento da entrambe le parti. Lo scopo finale di questo giorno è tornare a casa con delle riflessioni nuove su quello fatto finora (e anche su quello che si sarebbe potuto fare), degli stimoli visivi diversi e forse anche una maggiore cultura generale, non solo fotografica. Il workshop prevede un lavoro analitico durante il quale si approfondirà la conoscenza reciproca, tra me e i partecipanti, attraverso la presentazione dei lavori già eseguiti. Si richiede quindi che si presentino un lavoro o più lavori anche non completi, sui quali si potrà sviluppare la discussione che partirà dall’analisi critica degli scatti, attraverso le motivazioni che hanno arricchito il lavoro in fase di ripresa, di post produzione e poi di editing.

 

Informazioni

Date corso:
15/16 maggio 2020
Orario: 10.00-18,00 circa
Ore lezione 15 circa
Numero minimo di partecipanti: 6
Costo del corso: 240 euro iva inclusa
Pausa Pranzo: di solito si mangia un panino veloce in un bar nelle vicinanze e si riprende
Docente: il corso è tenuto da Lorenzo Cicconi Massi

Scopri chi è Lorenzo

Il costo di 240 euro verrà versato tramite bonifico Bancario, indicare nella causale, il workshop/corso a cui si vuole partecipare (vedi la scheda di partecipazione).

iscriviti ora!

Programma

sabato 9 maggio
Analisi delle differenti modalità di lavoro, fra commissionato, e ricerca personale, attraverso le esperienze della nostra vita, gli incontri che facciamo, le emozioni che viviamo e non solo e necessariamente fotografia di viaggio e/o di eventi organizzati.
Si prosegue con la lettura e l’analisi dei lavori presentati dai partecipanti (anche work in progress). Possono partecipare fotografi a tutti i livelli, anche chi non avesse alcun lavoro da presentare, perché al primo approccio con la fotografia.
La giornata si conclude stabilendo un tema o più temi di ricerca fotografica per la mattina seguente.
Domenica 10 maggio
La mattina è dedicata ad una lezione/esercitazione (luogo da definire, ma comunque nei dintorni della sede del WS) che si svolge passeggiando e osservando, cercando fra le pieghe della realtà quello che ci siamo proposti di tirare fuori.
Le fotografie scattate verranno poi analizzate e discusse nel proseguo della giornata. Si conclude con gli elementi base per la costruzione di un portfolio.

A chi è adatto il corso

A tutte le persone interessate a capire come strutturare un lavoro di reportage utilizzando un metodo professionale. Adatto a chi a già provato a raccontare piccole storie con la fotografia o a chi vuole intraprendere un percorso di introspesione legato alla fotografia di reportage.

Attrezzatura richiesta

Carta-penna. Macchina fotografica

Sede dei corsi


La sede a Monza è a 150 metri dalla stazione dei treni, degli autobus e da un ampio parcheggio, gratuito la sera e nei festivi. Monza - Via Mentana, 6 vedi mappa

 

iscriviti ora!

 

 

 

 

Informazioni

Tutte le informazioni in più

Docenti dei corsi

Scegli tra i percorsi formativi

Dicono dei corsi

Partecipa ai nostri eventi

Sede dei corsi

Ecco cosa proponiamo

Lavori degli studenti

Cosa dicono di noi

 

Regala un corso

Se decidi di regalare un corso, invieremo via posta cartacea un buono regalo personalizzato, con il corso che ti interessa donare. La persona verrà avvisata anche via mail entro un mese prima l'inizio del corso. Per informazioni scrivi a corsi@musafotografia.it SCARICA IL BUONO

 

Partecipa al premio Musa

 

iscriviti

 

 

Contatti

Dove trovarci a Monza

Come trovarci

Via Mentana, 6, Monza

Siamo a 150 mt dalla stazione di bus e

treni, ampio parcheggio a 100 mt.

In treno, da Milano Centrale e

da Garibaldi, ci vogliono 12 minuti.

 

 

I nostri amici e sponsor


Emuse
Emuse
Eyesopen
Myphotoportal
Fotofabbrica